Partecipa a Blog Cagliari Calcio 1920

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

14/10/1928 - Data storica, il Cagliari sbarca per la prima volta in “continente”

Il Cagliari disputa contro la Romano Virtus Goliarda la prima gara in una competizione nazionale

Condividi su:

1928. Il Cagliari è nato da soli otto anni e non ha ancora varcato calcisticamente il mare. Finora ha giusto partecipato a qualche competizione regionale e, dopo una lunga crisi finanziaria, la società è stata riorganizzata da qualche anno dal podestà della città Vittorio Tredici e dall'avvocato Carlo Costa Marras, che ne diventa il nuovo presidente.

Si decide di attuare una politica mirata anche all’acquisto di calciatori non isolani. L’anno precedente la squadra è stata affidata all'allenatore ungherese Robert Winkler, che gioca anche come portiere o centrocampista.

La data di oggi è importante perché la squadra rossoblù (la divisa nerazzurra è stata abbandonata due anni fa) gioca la sua prima partita in una competizione nazionale: è infatti riuscita a iscriversi al campionato di Prima Divisione e viene inserita nel girone meridionale nel girone A, con le squadra laziali e umbre (di fatto, però, a parte il Cagliari, le altre squadre sono tutte del Lazio).

La prima gara si disputa nella capitale contro la Romano Virtus Goliarda ma l’esordio si conclude con una sconfitta: i capitolini, infatti, si impongono per due a uno e il gol per i sardi viene firmato da Tonino Fradelloni.

Poco male, però. I sardi riusciranno a vincere il loro girone con ben otto punti di distacco dalla seconda in classifica, la Ternana. Purtroppo, nelle finali per salire in serie B, in cui affronterà Lecce, Palermo e Foggia, non riuscirà mai a conquistare i tre punti. L’appuntamento con la serie cadetta è rimandato al 1931.

CURIOSITÀ: anche al debutto in serie A, nel 1964, il Cagliari sarà di scena sul campo di una squadra romana, la Roma. E, anche in quell’occasione, i rossoblù perderanno con lo stesso risultato.

Condividi su:

Seguici su Facebook