Partecipa a Blog Cagliari Calcio 1920

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

La prima con Regalia, il pirotecnico saluto e l’ultimo ko: i precedenti tra Cagliari e Udinese

Il racconto delle sfide tra rossoblù e bianconeri in terra sarda

Condividi su:

13^ giornata della Serie A 2020/2021 con il Cagliari che ospiterà alla Sardegna Arena l’Udinese. Sardi e friulani si sono affrontati nell’isola 29 volte tra A e B: 12 vittorie rossoblù, 8 vittorie bianconere e 9 pareggi. 38 le reti segnate dai padroni di casa, 32 dagli ospiti.

Le squadre si incontrarono per la prima occasione in Serie B nella stagione ‘55/56: successo dei rossoblù 2-0 (doppietta di Regalia).

Medesimo punteggio anche nel campionato ‘62/63 (Torriglia, Ronconi).

Reti bianche nel campionato della prima promozione in massima serie, mentre in quella del nuovo ritorno in A nel ‘79/80 vittoria con rete di Bellini.

La prima partita tra le due compagini in massima serie giunse nel febbraio 1980. Si imposero i padroni di casa per 3-1, in virtù dell’autorete di Catellani e della doppietta di Selvaggi; gol della bandiera di Bressani.

Dopo quattro pareggi, due dei quali per 1-1, arrivò nella stagione ‘93/94 la prima vittoria ospite: 2-1, con reti di Branca (su rigore) e Statuto; per i sardi inutile gol di Allegri.

Il più largo successo rossoblù arrivò due anni più tardi: 4-1, grazie ai gol di Muzzi, Oliveira, Dario Silva e Villa. Rete ospite di Bierhoff.

Nel 98/99 i friulani violarono il Sant’Elia col punteggio di 2-1 (reti di Jorgensen e Walem; per i sardi Kallon), rifilando l’anno successivo un sonoro 3-0 (Van der Vegt e doppietta dell’ex Muzzi).

Dal ritorno in serie A, nella stagione 2004/2005, il Cagliari mantenne per tre anni consecutivi l’imbattibilità contro i bianconeri. Prima 1-1 (Esposito per i rossoblù e Iaquinta per i bianconeri), poi nel 2005/2006 2-1 (Conti e Langella, per gli ospiti Sensini) e ancora 2-1 la stagione successiva (al vantaggio di Muntari risposero Marchini e Capone).

Nel 2007/2008 fu invece l’undici capitanato da Di Natale a imporsi (gol di Quagliarella). L’ultimo successo dei sardi risale al 2008/2009: fu 2-0, con reti di Conti e Biondini.

Nel marzo 2011 giunse la più sonora sconfitta: 4-0. La squadra di Guidolin passeggiò al Sant’Elia in maniera netta: mattatori furono Benatia, Sanchez e Di Natale (autore di una doppietta), i quali, insieme ai compagni, si guadagnarono gli applausi del pubblico.

Nell’aprile 2013 l’Udinese violò il Nereo Rocco di Trieste grazie alla marcatura di Pereyra, mentre nel marzo 2014, al Sant’Elia, il Cagliari schiantò i bianconeri col punteggio di 3-0: le reti portarono la firma di Ibarbo, Vecino e Ibraimi.

Nel 2014/2015 i rossoblù salutarono la Serie A davanti al proprio pubblico. E dissero addio (e per alcuni arrivederci) ai tifosi, in una scena toccante, anche tre beniamini: Pisano, Cossu e soprattutto il capitano Conti, in lacrime. Per la cronaca, il Cagliari sconfisse l’Udinese con un roboante 4-3: aprirono le danze Sau e Pedro su punizione, accorciò Aguirre, poi Mpoku e Bruno Fernandes, il quale segnò (suo malgrado) in entrambe le porte, e Thereau.

Nel 2016/17 ancora successo degli isolani, grazie al rigore di Farias e a Sau. Per i friulani Fofana.

Nel 2017/18 sconfitta casalinga per il Cagliari, al quale non bastò il gol di Pavoletti. Gli ospiti rimontarono con Hallfreddson e De Maio.

Due stagioni fa Pavoletti e Ceppitelli riportarono i 3 punti in casa rossoblù; a nulla servì il momentaneo vantaggio di Lasagna.

Lo scorso campionato Okaka regalò il successo all’Udinese.

Condividi su:

Seguici su Facebook