Partecipa a Blog Cagliari Calcio 1920

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Maran: "Contro il Parma con il fuoco dentro"

"Deiola probabile titolare"

Condividi su:

Cagliari in campo domani alle 18:00 alla Sardegna Arena per la gara contro il Parma. I rossoblù sono chiamati alla vittoria, a riprendere il cammino verso la salvezza.

Classico match da non sbagliare, Maran non è in discussione ma la classifica suggerisce l'evitare ulteriori passi falsi.

Alle 12:30 il tecnico rossoblù incontra i media ad Asseminello al termine dell'allenamento.

Saremo presenti in diretta testuale grazie alla nostra inviata Alexandra Atzori.

Amici sportivi, buongiorno. Tra poco la conferenza stampa di Maran. Restate con noi.

La squadra si è allenata stamani, Maran parlerà tra qualche minuto.

Il Cagliari è chiamato alla vittoria, in settimana il club ha blindato il tecnico che viene ritenuto non in discussione. Altra questione è quella degli infortunati, anche Faragò non dovrebbe essere della gara, con Maran davanti a scelte pressoché obbligate e con alcuni dei nuovi arrivati non ancora in condizione.

Cacciatore è infortunato, Oliva e Despodov in ritardo di condizione. Pellegrini potrebbe essere confermato dal primo minuto.

Va a riempirsi la sala stampa, tra poco si comincia.

Ecco il mister, si comincia, ecco le sue dichiarazioni.

"In questo momento qua non abbiamo tanti disponibili, è un momento così dobbiamo essere forti e dobbiamo affrontarlo da uomini. Ci mancheranno 78 uomini. Sappiamo che è solo un momento, da affrontare ma dobbiamo fare prestazioni. Cerri si è fermato e Romagna lo porto ma non sta bene.

Bradaric ha aggiunto una settimana di lavoro, non è al top ma la sua condizione sta crescendo. Non è detto però che sia al 100%. 

Dobbiamo avere un atteggiamento meno pauroso, non stia giocando con tanti giocatori diversi rispetto a prima ma la sfrontatezza che servirebbe non ci viene automatico. Quando parlo di giocare da uomini significa proprio scrollarci tutti i pensieri di dosso e dare tutto. È ovvio che con il momento che stiamo passando porta i ragazzi a non essere al top, ma dobbiamo cercare di dare tutto, stringendoci e affrontando le gare come un blocco unico senza paura.

Il Parma ha vinto meno gare in casa, giocare con il baricentro basso e ti aspetta per ripartire. Al di lá delle difficoltà dobbiamo giocare con il coltello tra i denti, difendendo e attaccando in undici, sapendo che ogni situazione può essere importante.

Non sono abituato a dire quello che non penso ma sono abituato a vedere i ragazzi in settimana dare tutto e poi sciogliersi alla prima difficoltà. Per questo credo che sia un problema di testa.

Il Cagliari è una delle squadre più vecchie? Forse anche questo è uno dei problemi, perchè chi ha più esperienza sente più responsabilità di dover dare il massimo e magari non ha la testa sgombra.

Voglio che una cosa sia chiara: noi vogliamo dare il massimo per i nostri tifosi che ci sono sempre stati vicini e dobbiamo mettere in campo tutto.

Moduli? Durante l'anno ne abbiamo provato tanti e a Milano siamo anche tornati al rombo. Ma in questo momento è necessario giocare dando tutto, a prescindere dal modulo e a prescindere da tutto.

La cosa più importante secondo me è che tutti abbiano coscienza del momento ma non perchè cerchiamo alibi ma perchè serve remare tutti dalla stessa parte. E se noi facciamo vedere che diamo tutto i tifosi ci spingeranno al massimo.

Se il responsabile tecnico non si sentisse responsabile dovrebbe smettere di lavorare. Certo che mi sento responsabile ma ci sono anche state tante cose contingenti che hanno complicato la situazione. Dobbiamo tutti dare di più.

Oliva e Despodov? Stanno lavorando e si stanno integrando e confido che di settimana in settimana migliorino sempre di più.

I giocatori piú grandi, proprio perché hanno più esperienza, devono essere una guida, ma anche i più giovani con la loro freschezza possono dare il loro contributo.

Dovremo essere bravi a leggere bene la partita domani, dovremo essere perftti nelle transizioni e il fuoco che abbiamo dentro dobbiamo essere bravi a gestirlo per evitare di commettere errori. Basta un episodio a favore e può cambiare tutto.

Dovremo essere bravi a non fare errori come quelli dell'andata, anche se il Parma ha giocatori che possono farti male anche se  sei bravissimo.

Il Parma non è in forma? Ha fatto tanti risultati importanti recentemente ma speriamo di complicargli le cose domani e che inizi un periodo positivo per noi. Ce lo meritiamo per quanto stiamo lavorando, c'è tanta voglia di uscire domani con una soddisfazione.

Deiola? È un giocatore che ci può tornare molto utile e ha buone possibilità di giocare titolare.

Non vinciamo da tre mesi, ci penso ogni giorno. Ma questo ci deve dare rabbia e forza per dare tutto. Questo periodo deve diventare un ricordo".

La conferenza stampa della vigilia si conclude qui. Grazie per l'attenzione, da Asseminello è tutto. Alexandra Atzori.

Condividi su:

Seguici su Facebook