Partecipa a Blog Cagliari Calcio 1920

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Cagliari, fatali gli ultimi 15 minuti: incassati il 31% del gol

L’analisi della distribuzione delle reti subite dai rossoblu nell’arco della gara

Condividi su:

Per capire che non sia un periodo felice per il Cagliari, almeno alla luce di una serie di deludenti risultati (escluso il pareggio contro l’Inter in Campionato), non serve un fine intenditore di calcio. 

Le prestazioni sul campo sono tornate, anche se non al livello di quelle prodotte nella prima metà di stagione, ma a mancare all’appello è ancora la cosa più importante quando si gioca a calcio o si pratica qualsiasi altro sport competitivo, ovvero la vittoria. Nello specifico, in casa rossoblù i 3 punti non vengono conquistati dal 2 dicembre, giornata in cui il Cagliari battè la Sampdoria con il risultato rocambolesco di 4-3. 

Una delle motivazioni che spiega il calo di rendimento dei sardi può essere ritrovato nell’aumento del numero di reti subite, sia generale che soprattutto nell’arco dell’ultimo quarto di gara e nel recupero. Questi dati possono essere a loro volta spiegati con il fatto che la squadra, crollata emotivamente e fisicamente in seguito alla straripante ma dolorosa partita contro la Lazio, persa fra l’altro proprio per colpa di una rete incassata in zona Cesarini, stia recuperando lentamente una buona condizione atletica ma non sia ancora arrivata a poter reggere 90 minuti ad alti ritmi. 

I rossoblù infatti hanno dimostrato di poter mettere in difficoltà chiunque finché le gambe reggono, però man mano che le energie diminuiscono allora subentrano la poca lucidità e la paura. In effetti, dei 34 gol subiti in Campionato dal Cagliari, 1 è stato subito nel primo quarto d’ora, 4 entro la mezz’ora e 5 entro la fine del primo tempo. Nella ripresa i numeri aumentano: 6 gol nei primi 15 minuti, 7 nei successivi 15 e ben 11 reti (il 31%, un’enormità) nell’ultimo quarto di partita. 

Si spera che già a Genova i ragazzi di Maran ritrovino definitivamente sé stessi e portino a casa una vittoria che sfugge da troppo tempo, magari evitando se possibile di incassare gol mortiferi nel finale di gara.

 

Condividi su:

Seguici su Facebook