Partecipa a Blog Cagliari Calcio 1920

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Cossu e Conti dividono la tifoseria rossoblù. I numeri

Ecco quanto emerge da un sondaggio

Condividi su:

Senatori si o senatori no? La tifoseria rossoblù si divide. Mai come in questa stagione si fa un gran parlare dell’importanza dei giocatori che vestono la maglia rossoblù da più tempo, in particolare Daniele Conti e Andrea Cossu, e del loro peso nella squadra. La tifoseria è spaccata: sono tanti quelli che ritengono che ormai i “vecchi” abbiano fatto il loro tempo e che sarebbe meglio se appendessero le scarpette al chiodo o si limitassero a guidare la squadra da fuori, senza giocare e lasciando spazio ai giovani, ma altrettanti sono quelli che, invece, credono che il Cagliari non si possa pensare senza quelli che della squadra rossoblù hanno fatto la storia, se non altro quella recente.

A riprova di questa differenza di opinioni c’è il sondaggio proposto da “L’Unione Sarda” ai suoi lettori. Il quotidiano, dal suo sito web, pone la domanda: “Condividi la scelta di Zola di aver fatto tornare in campo la coppia Conti-Cossu?”. Le opzioni sono quattro (aggiungiamo a fianco le rispettive percentuali, registrate ieri sera alle ore 22:00): 1) Si (28,36%) – 2) No, nessuno dei due dovrebbe giocare (56,22%) – 3) Dovrebbe giocare solo Conti (6,97%) – 4) Dovrebbe giocare solo Cossu (8,46%).

Se, consideriamo solo le due posizioni nette, notiamo che i SI sono esattamente la metà dei NO. Ma se confrontiamo i risultati nella loro interezza, vediamo che l’unica opzione negativa, che si attesta intorno a poco più della metà dei votanti, è controbilanciata dalla somma delle risposte positive o semi – positive (che sono favorevoli solo a uno dei due giocatori in campo), che è rappresentata poco meno dell’altra metà della tifoseria rossoblù. Evidentemente l’argomento “senatori” segna una vera e propria spaccatura tra i supporters cagliaritani.

E voi, che ne pensate? Ritenete che questo sondaggio rispecchi bene il pensiero della piazza?

Condividi su:

Seguici su Facebook