Partecipa a Blog Cagliari Calcio 1920

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Rastelli straccia-record: col Cagliari il suo miglior girone d’andata in Serie B

Per il tecnico, alla terza stagione tra i cadetti, è il miglior rendimento nel girone d’andata

Condividi su:

Massimo Rastelli, arrivato a Cagliari la scorsa estate con l’obiettivo di condurre la compagine sarda in massima serie, è alla sua terza stagione da allenatore in B.

Il tecnico, dopo essersi ritirato dal calcio giocato, ha guidato la Juve Stabia, ottenendo la promozione in Lega Pro Prima Divisione, il Brindisi (sempre in Seconda Divisione, subentrando alla settima giornata all’esonerato Florimbi), e il Portogruaro in Prima Divisione Girone B, posizionandosi al centro classifica.

È giunto ad Avellino nell’estate 2012: è riuscito a portare gli irpini in Serie B, vincendo il Girone B della Prima Divisione, e li ha condotti ai playoff nelle successive due stagioni. La scorsa estate è sbarcato in terra sarda.

Vediamo come il mister di Torre del Greco ha concluso i gironi d’andata da quando allena in Serie B: 3 in totale.

Alla 21esima giornata (ultima del girone d’andata) del campionato cadetto 2013/2014, l’Avellino aveva totalizzato 37 punti, frutto di 10 vittorie, 7 pareggi e 4 sconfitte. Si trovava 3° in classifica, dietro Palermo ed Empoli.

Alla 21esima giornata del campionato di B 2014/2015, invece, i biancoverdi avevano ottenuto 32 punti, grazie ad 8 vittorie, 8 pareggi e 5 sconfitte, e si collocavano al 5° posto in classifica, dietro Carpi, Frosinone, Bologna e Spezia.

Alla fine del girone d’andata della stagione in corso, il Cagliari ha conquistato ben 46 punti, derivanti da 14 successi, 4 pareggi e 3 sconfitte, e guida la classifica del torneo cadetto, a +1 sul Crotone, +8 sul Novara e +9 sul Pescara.

È dunque quello attuale il miglior inizio di Massimo Rastelli (al terzo anno di esperienza in Serie B), capace di totalizzare 9 punti in più rispetto alle prime 21 giornate del 2013/2014, e addirittura 14 in più rispetto al girone d’andata 2014/2015.

Che il titolo di Campione d’Inverno con i rossoblù possa essere di buon auspicio, al fine di centrare l’obiettivo promozione.

Condividi su:

Seguici su Facebook